Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Editoriale


Benvenuti nell'Italia borbonica

di Massimiliano Forgione - 05/03/2018

Le elezioni ci consegnano un Sud completamente giallo, preunitario. Un dato di fatto inequivocabile e che non può non fare impressione. La natura identitaria del Meridione ha un sostrato sentimentale che, messo a dura prova da anni di politiche economiche che hanno guardato da Roma in giù solo in termini assistenzialistici e predatori, si è ricompattato e richiama all'attenzione. Non è un dato trascurabile e liquidabile dalla coalizione di centrodestra con l'arroganza che la contraddistingue. C'è bisogno, adesso, di tutta l'umiltà di cui la forza che più conta all'interno dell'accrocchio messo insieme per vincere, deve mostrarsi capace e la determinatezza per il necessario realismo e lungimiranza. Affinché possa essere sanata la ferita di un'Italia unita in modo fraudolento e con una barbarie della quale non è mai stato chiesto conto. In questo, la grande anima del Sud.
A partire da questo dato politico si potrebbe veramente creare un'unità nazionale e realizzare quella necessaria pacificazione che ci renderebbe forti in Europa senza più subalternità, tanto all'interno quanto all'estero, senza la millantata animosità di chi deve sbraitare per nascondere il saccheggio e di chi, dopo lunga e intensa sopportazione non può esercitare altro che il diritto alla rassegnazione di fronte a tanta, inveterata ottusità.
Un governo di coerenza nazionale vorrebbe un'unione M5S-Lega. Il voto degli italiani, pur con esigenze diverse, esprime questo. Ma, temo che assisteremo all'ennesimo inganno del Nord che si esprime nella sua utilitaristica rappresentanza politica che ha pensato bene di affastellare un'unità di scopo affinchè una forza di governo stabile e specchio della volontà di più della metà del Paese non possa costituirsi in nome di una falsa coerenza sancita in fase preelettorale.
Ci avviamo verso l'ingovernabilità? O prevarrà il rispetto dell'esigibilità del popolo?
Mi sembra un debito che abbia tutta la rispettabilità per essere onorato.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente