Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Notiziario


Partire dal Basso. Liste civiche a cinque stelle.

di Massimiliano Forgione - 09/03/2009

Tutto nasce da quel punto estremo e inferiore se si considera il consolidato al quale si rapporta.
Ora, c’è un dato di fatto incontrovertibile: il paradigma politico di riferimento non è più rappresentativo di una realtà, quindi è superato, vecchio, inutile.
Ci vorrebbe un inceneritore, ogni possibilità di riciclo risulta impossibile, da un rifiuto così non può nascere nulla e le scorie dell’inevitabile morte di questo modo di fare politica saranno la nostra cancrena per un buon numero di anni a venire.
E’ un dato di fatto: il virus dell’etica politica, ventott’anni dopo il discorso di Enrico Berlinguer, si è instillato, sicuramente si propagherà, ma dovrà fare i conti con i riflussi di un modo corrotto di essere e di pensare, della maggior parte degli italiani, che è duro a morire.
Il I° incontro nazionale delle liste civiche a cinque stelle tenutosi l’8 marzo a Firenze è una realtà che conta più di 3500 persone che parlano, si confrontano e ricalcano le orme della democrazia: la grande piazza è la rete.
I punti dell’Assemblea all’ordine del giorno sono i seguenti:
1. Acqua pubblica
2. Impianti di depurazione obbligatori per ogni abitazione non collegabile a un impianto fognario, contributi/finanziamenti comunali per impianti di depurazione privati
3. Espansione del verde urbano
4. Concessioni di licenze edilizie solo per demolizioni e ricostruzioni di edifici civili o per cambi di destinazioni d’uso di aree industriali dismesse
5. Piano di trasporti pubblici non inquinanti e rete di piste ciclabili cittadine
6. Piano di mobilità per i disabili
7. Connettività gratuita per i residenti nel Comune
8. Creazione di punti pubblici di telelavoro
9. Rifiuti zero
10. Sviluppo delle fonti rinnovabili come il fotovoltaico e l’eolico con contributi/finanziamenti comunali
11. Efficienza energetica
12. Favorire le produzioni locali
Tutti perseguibili a incominciare dal prossimo giugno quando, dopo le comunali, il virus entrerà nelle stanze dei bottoni.
Da lì, non si potrà non pensare ad un coordinamento più ampio, nazionale.
Il linguaggio è chiaro, pulito, più volte, durante gli interventi dei relatori, vengono lanciati moniti di allerta contro infiltrazioni che potrebbero snaturare le liste a 5 stelle: che siano politici di altri partiti che cercano visibilità o transfughi.
E’ già successo, in quattro anni di meetup c’è stato anche questo. L’IDV (Italia dei valori) con Di Pietro ha sposato le idee e iniziative delle liste ma le strade sono diverse, alcuni dicono parallele; per quello che ho potuto constatare a Bergamo, realtà in cui vivo, quella dei dipietristi è una strada senza uscita.
Il fatto è che per il popolo delle liste la politica è lo strumento imprescindibile per cambiare la condizione di tutti, per i dipietristi la condizione da cambiare è ancora quella personale o di piccola casta, di ordine professionale.
E allora, che questa gente sia davvero quella giusta, che riesca a fare centro, non solo nei cessi del teatro, come ha fatto notare Jacopo Fo, venuto a palpare la contezza dei grillini, ma per un nuovo rinascimento italiano. Una nuova mutazione antropologica dell’animale uomo italico: altruista quando orina, quando pensa e quando agisce. A Firenze, luogo simbolo del Rinascimento italiano, al teatro Saschall sono più di 3500 e i bagni veramente puliti. L'uomo nuovo, consapevole della propria coscienza e della propria pulizia.
A guardare questi visi appassionati c’è la consapevolezza di una verità: oltre questa opportunità c’è il vuoto; se dalle liste civiche non nascerà nulla queste altre, ultime energie si disperderanno, non esisteranno più o saranno semplicemente fagocitate dai partiti o dall’indifferenza.
Dopo la giornata a luce artificiale del teatro, uscire e essere sorpresi da ciò che rimane della bella giornata primaverile fiorentina e la tanta gente che passeggia per le strade fa a pugni con quanto appena vissuto.
Forse, l’indifferenza è proprio questo e chissà quale dei due poli farà da catalizzatore.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente