Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Notiziario


Movimento di Liberazione Nazionale

di Massimiliano Forgione - 05/08/2009

Mi sono sorpreso a fare una riflessione mentre ero lontano, in Europa, a vedere altri giovani e a confrontarli con i nostri, di giovani. Mi sono rammaricato alla consapevolezza di non poter riscontrare una qualsiasi forma d'impegno. Al limite, in questo clima d'assuefazione al peggio, tra l'impegno per una rivoluzione e quello per un lavoro, è più probabile che il giovane-vecchio si faccia prendere dal secondo; almeno, dà un po' di danaro, mentre il primo è solo impegno.
Ora, io penso che realmente tutto sia stato fatto e detto; ora, io credo che l'unico nostro vero fardello sia mettere in pratica il buono delle passate, positive, esperienze.
Beppe Grillo, con la sua iniziativa di creare un MLN ci dà realmente la possibilità di uscire da un Medioevo che in Italia dura dal fascismo.
Beppe Grillo odia i partiti, non a caso parla di Movimento a base partecipata, di volenterosi cittadini che di questa situazione non ne possono più.
Attenzione, Beppe Grillo è un catalizzatore, un elemento aggregante, di rottura, guai cercare in lui un altro leader, eterno santo, eroe e colpevole dell'endemico bisogno di deresponsabilizzazione italiano; Beppe Grillo è uno che ha voce e può dare voce.
Sta a noi, da settembre, mese annunciato per la formazione del Movimento, assumere una imprescindibile forma morale d'impegno concreto.
L'evoluzione politica di Beppe Grillo è stata lenta, speranzosa che la sinistra potesse realmente diventare tale; la sua candidatura alle primarie del PD è stato l´ultimo tentativo per capire, definitivamente, quanto quel PD-L sia definitivamente tale.
Vedo molti scettici, anche tra i giovani di sinistra, ne ho sentite di tutte in questi mesi: dal non può fare politica perché è un comico alla natura pericolsa di quest'ultimo tribuno.
Sono i giovani-vecchi, coloro che vogliono intravedere nel cambiamento del Paese un piccolo tornaconto personale, gli stessi che si contentano di un piccolo lavoro, una piccola paga ma, la rivoluzione?, forse un altro giorno!, sono gli assuefatti che non riescono ancora a capire come possa esistere un movimento senza un leader.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente