Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Notiziario


Emendamento 1707

di FRANCESCO BUSETTI - 30/11/2010

"Intercettata al telefono, Ruby si sarebbe lasciata scappare qualche dettaglio che dimostrerebbe i suoi rapporti intimi con il premier, da sempre negati da entrambi. Se si dovesse arrivare a un processo e a una condanna, Berlusconi rischierebbe di andare davvero in carcere, fanno notare sempre su Repubblica Piero Colaprico e Giuseppe D’Avanzo, per una legge – fortemente voluta dalla sua maggioranza – che esclude da qualunque beneficio chi si macchia di atti sessuali con minori." (da Il fatto quotidiano)
Questi i fatti recenti che danno collocazione del tentativo di far passare l'emendamento 1707.

VIOLENZA SESSUALE 'LIEVE' SU MINORI: ECCO I NOMI DEI SENATORI FIRMATARI
Si commenta da sé.
Si erano inventati un emendamento proprio carino.
Zitti zitti, nel disegno di legge sulle intercettazioni avevano infilato l'aggiunta 1.707, quella che introduceva il termine di 'Violenza sessuale di lieve entità' nei confronti di minori.
Firmatari alcuni senatori di Pdl e Lega che proponevano l'abolizione dell'obbligo di arresto in flagranza nei casi di violenza sessuale nei confronti di minori, se - appunto - di 'minore entità'. Senza peraltro specificare come si svolgesse, in pratica, una violenza sessuale 'di lieve entità' nei confronti di un bambino.
Dopo la denuncia del Partito Democratico, nel Centrodestra c'è stato il fuggi-fuggi, il 'ma non lo sapevo', il 'non avevo capito', il 'non pensavo che fosse proprio così' uniti all'inevitabile berlusconiano 'ci avete frainteso'.
Poi, finalmente, un deputato del Pd ha scoperto i firmatari dell'emendamento 1707. Annotateli bene (e ricordate le facce):
sen. Maurizio Gasparri (Pdl)
sen. Federico Bricolo (Lega Nord Padania)
sen. Gaetano Quagliariello (Pdl)
sen. Roberto Centaro (Pdl)
sen. Filippo Berselli (Pdl)
sen. Sandro Mazzatorta (Lega Nord Padania)
sen. Sergio Divina (Lega Nord Padania)
Per la cronaca: il sen. Bricolo era colui che proponeva il 'carcere per chi rimuove un crocifisso da un edificio pubblico' (ma non per chi palpeggia o mette un dito dentro ad una bambina o un bambino); il sen. Berselli è colui che ha dichiarato 'di essere stato iniziato al sesso da una prostituta' (e da qui si capisce molto...); il sen. Mazzatorta ha cercato di introdurre nel nostro ordinamento vari 'emendamenti per impedire i matrimoni misti' mentre il sen. Divina è divenuto celebre per aver pubblicamente detto che 'i trentini sono come cani ringhiosi e che capiscono solo la logica del bastone' (citazione di una frase di Mussolini). Adesso cominciamo a riflettere: essere sempre politically correct con chi li ha votati è una mossa che paga?
Informate! E’ un dovere etico per ciascuno di noi.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente