Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Intervista


L'idiozia in politica

di Massimiliano Forgione - 09/04/2010

Lynda Dematteo è un’antropologa ed etnografa francese che ha pubblicato L’idiotie en politique Paris, CNRS Editions 2007, libro in cui cerca e spiega le ragioni di un linguaggio politico, nello specifico quello della Lega, che si rifà agli aspetti più istintuali dell’idiozia della tradizione della Commedia dell’Arte, di quelle maschere che spesso interpretano il ruolo dello “sciocco” che prende in giro coloro che pensano di essere più intelligenti di lui.

Perché concentrarti sulla politica italiana?
Ormai lavoro sull’Italia da tantissimo tempo e sinceramente non mi ricordo neanche più perché ho scelto il vostro Paese. Comunque, nella politica italiana si possono ritrovare, in forma estremizzata, dei tratti caratteristici della vita politica di altri Paesi europei, di conseguenza è più facile cogliere le contraddizioni e le logiche che conducono a certi comportamenti e assunzione di strategie.
Quanto, vista dalla Francia, questa politica italiana fa paura? Il modello è appetibile e facilmente esportabile.
E’ vero, il libro Sarkoberlusconismo. Le due facce della rivoluzione conservatrice uscito in Francia e tradotto anche in italiano (editore Ponte alle Grazie) affronta proprio questa problematica, i francesi vivono questa preoccupazione: che la politica francese assomigli sempre più a quella italiana. Per la Francia è stato coniato il termine peoplelisation, ossia questa forma di populismo particolare che riconduce a come Sarkozy comunica la propria politica attraverso aspetti della sua vita personale: il divorzio, il matrimonio; che all’inizio ha fatto molto scalpore e disorientato, però, devo dire, che c’è meno partecipazione popolare nelle manifestazioni di costume mediatico dei politici rispetto a voi.
Ti sei concentrata sul linguaggio politico della Lega ma non trovi che l’analisi da te condotta possa essere estesa a tutti i partiti e non ultimo quello che dovrebbe rappresentare l’opposizione: l’incapacità di proporre parole nuove, il reiterare copioni vecchi e di costume, per l’appunto.
E’ una dimensione che ho colto e ne parlo nella presentazione del mio libro, effettivamente il copione è lo stesso della vecchia DC. Ritengo che sia necessario andare oltre certi schemi e affrontare realmente le emergenze sociali e ambientali che affliggono il nostro presente.
In Francia è nata la Cooperativa politica, in Italia, il Movimento di Liberazione Nazionale e il Partito politico Etico, insomma a parte quest’ultimo, i neonati soggetti politici fanno volentieri a meno della parola partito.
Tutto ciò ha a che fare con il cambio generazionale, sia in Italia che in Francia i giovani vedono e vivono i partiti come un ostacolo, personalmente non mi verrebbe mai l’idea di iscrivermi ad un partito.
Quindi, non stiamo semplicemente assistendo alla fine della politica tradizionalmente intesa e alla fine dei partiti?
I partiti sono un’istituzione profondamente in crisi; ritengo sia necessario che le nuove entità politico-sociali creino legami a livello europeo, l’esempio è quello della confluenza degli attivisti di diversi paesi nelle manifestazioni di dissidio sociale.
I tempi televisivi della trasmissione L’Infedele di Gad Lerner a cui hai partecipato e in cui era presente come contraltare Tosi della Lega ti hanno dato modo di esporre un pensiero strutturato o non è stato possibile?
Gad Lerner ha letto bene il mio libro ed è riuscito a veicolare il contenuto del mio messaggio a proposito del termine idiozia riferito all’iconoclastia e al linguaggio politici della Lega, e ciò non è semplice perché può essere inteso come insulto e non è affatto così.
E quando Tosi ha protestato per l’associazione: idiozia-Lega hai ritenuto che fosse strumentale o che realmente non avesse capito il parallelismo?
Ma lui non ha assolutamente colto il valore intrinseco di tale associazione e onestamente non mi aspettavo altro e ritengo che anche un leghista in grado di cogliere il significato etimologico e comparativo non lo farebbe perché non è suo interesse.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente