Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Intervista


Intervista a Piero Fassino

di Massimiliano Forgione - 06/05/2018

Una risposta dirimente sulla situazione attuale. Avete fortemente voluto questa legge elettorale che ha portato allo stallo.....
Non l'abbiamo voluta, perché la proposta iniziale del PD era il sistema elettorale francese a doppio turno. Poi, siccome in Parlamento, quando abbiamo avanzato questa proposta non abbiamo trovato il consenso sufficiente e una legge elettorale va approvata con un consenso sufficientemente largo perché sia riconosciuta da tutti, si è lavorato per tre mesi e il punto di mediazione e compromesso è stato il Rosatellum.
Ben accolto questo chiarimento. Andiamo oltre: non volete fare alleanze e l'attuale legge elettorale non vi permette di andare a nuove elezioni perché vi mette a rischio di estinzione. Si ha la sensazione che il vero problema sia il PD.
I problemi sono due: da un lato bisogna proporre alle altre forze politiche di andare verso una nuova legge elettorale che sia garante del fatto che il Paese sia governabile, quindi che dia stabilità e governabilità. Il secondo tema, che non viene risolto con la legge elettorale ed è un problema politico, riguarda la necessità che ogni forza politica si ponga la preoccupazione di costruire delle alleanze, ciascuno valutando con chi e come, ma sono temi e problemi complementari. Quindi, una legge elettorale che bipolarizzi e consenta certezza di esito e di governabilità e necessità che ciascuna forza politica esca dall'idea che ha dell'autosufficienza.
Il suo punto di vista e di quel PD che rappresenta sulla possibile alleanza con il M5S.
Io sono di quelli che ha ritenuto opportuno accogliere la richiesta del Presidente della Repubblica di andare ad un confronto. Poi, non mi nascondo che si sarebbe trattato di un confronto molto difficile, stante che le posizioni di partenza tra noi e i 5 Stelle sono molto lontane. Però, non posso non vedere che negli ultimi mesi, proprio per accreditarsi come forza di governo i 5 Stelle aveva cambiato molte posizioni.....
......e questo è molto positivo e meritava maggiore attenzione e cura forse.
E' molto positivo e conferma che lo spazio per un confronto c'era, ma per noi non prescindeva dalla condizione fondamentale di andarci con un partito unito e non diviso e, siccome c'è stata una divaricazione, abbiamo dovuto prenderne atto e ci siamo fermati.
Una provocazione: siete sicuri che Matteo Renzi non sia un infiltrato?
E' una provocazione! (...e se la ride!)























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente