Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Scienza e Ricerca


Energie rinnovabili! Se questo mondo ci interessa ancora.

di MF - 02/10/2007

Conversazione con Emanuela Cavadini del gruppo Suntek

Rispetto all’ultima volta che abbiamo parlato di pannelli solari, di energie rinnovabili, quali novità ci sono a livello di innovazioni frutto di ricerche tecnologiche?
Si sono fatti significativi passi in avanti grazie ai quali si riesce a soddisfare in maniera più adeguata le esigenze sia domestiche che industriali.
Rispetto ai preoccupanti cambiamenti climatici, sotto gli occhi di tutti ormai, registrate una maggiore sensibilità da parte degli utenti?
C’è maggiore interessamento, siamo ad un punto di non ritorno estremamente preoccupante che smuove un po’ le coscienze.
Ripensare l’energia è la via da perseguire allora?
E’ l’unica soluzione! A mio avviso, oltre che ripensare la mobilità, rivoluzionare l’approvvigionamento energetico è la via parallela necessaria. Credo che ci siamo, nel senso che questo interesse per le energie rinnovabili sia arrivato, sicuramente per interesse economico, ma sostanzialmente perché le persone sono terrorizzate da quanto sta avvenendo a livello geoclimatico. Le persone hanno paura e le richieste di essere autonomi nel soddisfacimento del loro approvvigionamento energetico sono aumentate. Sai, alla fine l’importante è arrivare ad un punto di svolta.
Lo Stato aiuta in questo senso?
Molto poco, ci sono degli incentivi ma è veramente poca cosa rispetto alla necessità impellente di dover cambiare rotta.
Ci sono più richieste da parte di singoli o dei condomini che riescono a fare gruppo in questo senso?
Senza dubbio da parte dei singoli; molto difficile riuscire a mettere d’accordo diverse teste. Pensiamo, per esempio, in questo quadro agli effetti disastrosi per il microclima causato dai vecchi palazzi milanesi che hanno sistemi centralizzati.
Immagino che in quanto importatori di solare termico dalla Solvis (in Germania) e geotermia dalla IDM (in Austria) siate molto interessati a capire le cause di tali cambiamenti climatici. Si parla di date limite quali il 2017, il 2050.
Sono stime reali, la nostra esperienza ci può far affermare che dal 2020 in poi succederà qualcosa, si parla anche di esaurimento delle fonti fossili. Sicuramente, se non diamo una svolta nei prossimi dieci anni, secondo me saremo perduti per sempre.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente