Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Il Rubricario Spettacoli


Teatro Politico – Marco Paolini

di Marcello Masneri - 07/11/2007

Dopo “Ustica” e il “Vajont” è tornato a farsi vedere sul piccolo schermo (era ora) il teatro politico di Marco Paolini. Martedì 30 ottobre La7 ha mandato in onda “Il sergente”, opera teatrale tratta dal romanzo del 1953 di Rigoni Stern.
Una diretta di due ore senza interruzioni pubblicitarie, da una cava di pietra bianca nei pressi di Zovencedo (VI), di quella pietra bianca con cui il Palladio rivestì Vicenza.
Una presentazione sobria quella curata da Giuliano Ferrara, a precedere le commoventi immagini di un Paolini in gran spolvero, e a sottolineare l’importanza di una programmazione finalmente di alto livello culturale.
Quasi due anni di preparazione per uno spettacolo dove la ritirata di Russia viene raccontata dall’attore vicentino che ha voluto andare sul posto a saggiare quel terreno, a provare quei 40 gradi sotto zero che fecero da teatro ad uno degli episodi più dolorosi del periodo fascista.
Più opera letteraria che documentario, già rappresentato al Piccolo di Milano e per certi versi stroncato dalla critica, lo spettacolo è stato nel corso del tempo rivisto e modellato in più parti dall’autore, assumendo una forma più armonica.
Martedì 30 il racconto minuzioso del dettaglio inchiodava i volti del pubblico stretto nelle giacche a vento e a livello fisico la percezione del gelo è stata resa forse più dalle parole e dalla cadenza della narrazione che dall’effettiva gelida temperatura all’interno della cava dismessa.
Quegli uomini furono degli eroi soprattutto perché lì non ci volevano finire. Si trattava di dover eseguire un ordine, mentre chissà ora il nostro esercito di volontari come si saprebbe orientare in un inverno russo come quello.
Purtroppo nella piccola (e stretta) Bergamo i giornali locali non hanno dato spazi adeguati a commenti e valutazioni nei giorni successivi all’evento, così qualcuno di noi si è consolato con il bel “microfono aperto” di Radio Popolare.

A chi si fosse perso lo spettacolo in diretta dalla cava non resta che aspettare l’uscita del cofanetto dvd di Einaudi.
1-11-2007























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente