Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Il Rubricario Spettacoli


Delitto e castigo
Una discesa agli inferi tra lucidità e follia

di Comunicato stampa - 09/02/2018

adattamento Alberto Oliva e Mino Manni
regia Alberto Oliva
con (in o.a.) Giulia Merelli, Riccardo Sinibaldi, Francesco Brandi, Maria Eugenia D’Aquino, Marco Balbi, Massimo Loreto, Mino Manni, Sara Marconi, Camilla Sandri
scene Alessia Margutti
costumi Simona Dondoni
musiche originali Gabriele Cosmi
disegno luci Alessandro Tinelli
assistente alla regia Sara Marconi

produzione Teatro Franco Parenti
Incubi, visioni al confine con la follia si alternano a scene di crudo realismo fra i vicoli di San Pietroburgo, bettole e squallide stanzine da cui si origlia, si respira con affanno, si piange e si ama.
La parabola esistenziale di Raskol’nikov che uccide per sentirsi un’anima eletta e non una persona qualsiasi è il punto di partenza per un’analisi profonda sul mistero dell’uomo e sull’impossibilità di ogni giudizio che punti a dividere gli esseri umani in buoni e cattivi, vittime e carnefici, salvati e dannati.
Il giovane studente si macchia del delitto e poi sprofonda in uno stato mentale che alterna una lucidità cinica e graffiante a momenti di delirio convulso.
Attorno a lui ruotano personaggi deliziosi, dalla bella Sonja all’amico Razumichin, dalla vecchia usuraia uccisa per pochi spiccioli al disincantato Porfirji e tanti altri, in un affresco ricchissimo di umanità cui attingere per una vertiginosa discesa agli inferi.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente