Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Chi siamo
Nail is still a very popular fashion replica handbags uk in autumn and gucci replica . The furry design on the hermes replica of the bag makes this autumn and handbags replica. Xiaobian likes the buckle like sapphire and looks quite replica handbags .
Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

HOME PAGE

 

 

Il Rubricario Musica


New Thing, il nuovo album del chitarrista Martino Vercesi

di Massimiliano Forgione - 29/10/2019

Ascoltiamo con vivo piacere l'ultima fatica del chitarrista Martino Vercesi. Di ''Nuova cosa'' effettivamente si tratta, non solo perché l'artista milanese mette a firma sei brani inediti, ma anche per il suono tradizionale e caldo che nasce da un tocco sapiente e maturo che ne caratterizza la lunga sequenza. Cinquanta minuti di buona musica che, come ci spiega il buon Claudio Ottaviano (musicista di lungo corso a noi caro), diffonde temi estesi, 'squared' “alla Monk”, con salti melodici significativi.
Insomma, un suono dall'impronta veramente molto personale che dà vita ad uno swing puro e sincero, intriso di una carica melodica e appassionata dai richiami illustri.
Danilo Gallo al contrabbasso, Rudi Manzoli al sax tenore, Matteo Rebulla alla batteria formano il quartetto che si sta esibendo in questi giorni, portando aria nuova sulla scena jazzistica.
Particolarmente belli i brani He won't get far e Hold on please, rispettivamente la seconda e quinta traccia. Forse perché il fraseggio della chitarra di Vercesi ha quel giusto tocco malinconico e il suono nitido di Manzoli evoca un'impronta a noi cara, quella di un signore del sax tenore, tale Stan Getz. Ma questi sono dettagli profani utili solo ad assicurare il lettore della bontà della ''Nuova cosa'' di Martino Vercesi.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente