Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Chi siamo
Nail is still a very popular fashion replica handbags uk in autumn and gucci replica . The furry design on the hermes replica of the bag makes this autumn and handbags replica. Xiaobian likes the buckle like sapphire and looks quite replica handbags .
Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

HOME PAGE

 

 

Il Rubricario Musica


Foolish Little Dreams

di Massimiliano Forgione - 09/02/2020

E' un vero piacere per me recensire il primo lavoro del chitarrista Renato Podestà, realtà viva di una Milano musicale che continua a battere forte il suo swing d'avanguardia e di grande tradizione.
Giunge a me tramite un altro grande musicista jazz, il contrabbassista Claudio Ottaviano, che prima o poi avrò il piacere di incontrare per ringraziarlo di questi aggiornamenti che mi fanno rimanere piacevolmente agganciato a quanto c'è di più nuovo nel panorama musicale contemporaneo del genere che più amiamo: il jazz.
Renato Podestà ci regala gli 'standards' più riconoscibili ma senza peccare di ovvietà, perché l'articolazione del suo suono scandisce in modo rigoroso la tecnicalità di una musica perfetta, complessa, densa e figlia di stati dell'esistenza pregni di ispirazione estatica.
E infatti, il comunicato stampa ci dice che l’ispirazione del 'group leader' arriva da un lungo viaggio negli Stati Uniti: dalla profonda immersione nella tradizione musicale di New Orleans, alla scena contemporary di New York. Cosa dire di più, a garanzia di una trascendenza che non rinnega nessuna immanenza con il dato specifico della cifra autoriale di chi si propone attraverso la classicità di pezzi storici.
Provate ad ascoltare Five di Bill Evans o Fascinating Rhythm di G. e I. Gershwin e avrete la misura di come il trio Renato Podestà alla chitarra, Gianluca Di Ienno all'organo e Roberto Lupo alla batteria si esprimono nel rispetto assoluto della partitura di riferimento, conferendo l'originalità di un suono tutto personale e di grande carattere.
L'ultima traccia Exactly Like You di Mc Hugh/Fields vede suonare assieme a Podestà un altro grande chitarrista, Sandro Gibellini, in un dialogo perfetto ad evocare sonorità samba che sono un vero piacere.
Per ogni riferimento c'è il sito www.renatopodesta.com























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente