Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Conversazione con


Randagio che abbaia alla luna, eraldo di libertà fondamentali

di Massimiliano Forgione - 05/06/2009

La manifestazione dell’incapacità e impossibilità di spiegarsi il dolore può portare gli individui alla pretesa di vivere lo smarrimento in maniera collettiva; il pane e acqua portati alla clinica di Udine, dove Eluana era ricoverata nell’ultima fase della sua vita, ne sono una chiara manifestazione. La morbosità della proiezione della propria incapacità di interpretare nella giusta chiave quanto accade; è forse per questo che il suo silenzio ha fatto tanto scalpore?, che ha infastidito così tanto politici e religiosi?
No, politici e religiosi si sono infastiditi perché costretti ad affrontare il problema come l’ho dovuto affrontare io, nel non aver dato scampo, fino ad arrivare alla magistratura che, costretta a rispondermi, l’ha fatto nel modo migliore e questo, a loro, ha dato un enorme fastidio. Perché è chiaro che in un stato di diritto nessuno può avere questo potere; questo è quanto: il fatto di essere stato così lineare, limpido, nel rivendicare diritti fondamentali.
Secondo lei non si è giocata anche una battaglia di diritto, di libertà, cioè il voler sancire, per decreto, il limite della discrezionalità soggettiva.
No, si tratta di libertà fondamentali in un stato di diritto e coloro che legiferano non si sono resi conto della natura del problema.
Cioè, secondo lei siamo di fronte ad un’atavica quanto primordiale incapacità di comprendere il problema?
Esattamente! La magistratura è da parecchi anni che tenta di sentenziare su questa materia, quindi, il problema è estremo, cioè, una volta arrivati alla sede di giudizio estrema non poteva andare altrimenti. Mancava l’accesso diretto ad una sede estrema. Già nel gennaio del 1992 dissi: con quale diritto? Ebbene, nella sentenza emerge proprio questo: che nessuno può avere questo potere di costringere un altro a vivere. Le libertà fondamentali in uno stato di diritto non si toccano.
Tutta questa disquisizione ideologica……
….che continua e poi queste forzature che non hanno un senso…..
….ha alla base un grande equivoco che è quello di non aver compreso esattamente il problema?
Esattamente, esattamente! E la maniera migliore di tutelare la vita di chi viene a trovarsi nello stato di Eluana e di affidarne le decisione a chi vive al suo fianco, di chi ne conosce quello che rimane della vita, certo con il dialogo ma senza imposizione; l’altro dice: “Ti voglio aiutare”, io rispondo: “No, grazie! Perché con la tua incompetenza il problema non me lo risolvi, me lo crei.” Siamo noi familiari che abbiamo dovuto percepire ed elaborare il come si entra in una situazione come questa e il come se ne esce, sempre nella scientificità clinica, pensi, abbiamo dimostrato come, in questo ambito, certi problemi vengono creati e non risolti; la sentenza ha una natura di scientificità clinica.
Sulla falsa riga di un intervento fatto prima da uno dei partecipanti emerge quanto la classe politica si incompetente…..
….limitata…..
….per cui, se tanto vi dà tanto, fatevi portavoce consapevoli del vostro destino……
…..ma non vede che il clima culturale sta cambiando, ha sentito gli interventi……., adesso basta! E’ la gente che dirà basta: ai politici, ai medici….., basta chi si arroga il potere.
Quante volte si è dovuto dire, in questi 17 anni, la frase con la quale ha concluso uno dei suoi interventi: sempre nel corso del tempo? L’associazione costituita per Eluana dimostrerà la veridicità di quanto stiamo portando avanti, sempre nel corso del tempo.
Guardi, abbiamo reagito in tempi reali perché è nel DNA della famiglia: il rispetto per se stessi e per gli altri; nel momento in cui gli altri non avevano questo rispetto io ho dovuto, in quei famosi 5700 giorni, lottare per vederci riconosciuti questi principi di diritto in uno stato di diritto.
Non c’è rimasto altro che confidare nel tempo in questo Paese?
Nel cambiamento del clima culturale, si ricorda la frase: randagio che abbaiava alla luna, eraldo di libertà fondamentali? Di più non si può pretendere.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente