Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Conversazione con


Intervista al padre

di Massimiliano Forgione - 05/04/2015

Cosa non ti piace di questi tempi?
L’arroganza, la sopraffazione, la mistificazione. La realtà è sempre stata questa, per carità, non sono di quelli che dice che prima era meglio; ma oggi, l’egoismo della gente si esprime in maniera più allarmante e non porterà a nulla di buono.
Qual è la differenza tra l’egoismo di ieri e quello di oggi?
L’egoismo di oggi distrugge e basta perché è quello di chi sa di non avere più nulla da perdere, che le risorse sono finite e non vede un futuro oltre il proprio. Guarda i politici, pur padri di famiglia, arraffano tutto, pensando a sé e ai propri figli, ma senza una visione di un possibile futuro per le nuove generazioni. Lupi che deve o non deve dimettersi? Quanta pena mi fa quest’uomo e chi fa ragionamenti sul suo operato.
Come vedi i giovani?
Sono incazzati, e hanno ragione, ma sono anche dei grandi fessi. Ma come? Ti hanno rubato il futuro e tu pensi al tuo misero presente? Non sai vivere senza il tuo telefonino, il tuo profilo facebook, ti ribelli su twitter e, intanto, non vuoi sapere che ti hanno tolto i tuoi diritti di studente, di futuro lavoratore, di cittadino.
Cosa faresti se fossi uno di loro?
Andrei via. Questo Paese è fottuto, questa Europa è fottuta. Ci aspettano vent’anni di declino assicurato, non c’è alcuna speranza, a meno di non essere il figlio di qualche stronzo che continuerà a sopravvivere comunque in questa merda.
Dove andresti?
A farmi una formazione seria. A lavorare e studiare con la voglia di capire in che modo ci stanno fregando e cercare di fare qualcosa per rendere la vita difficile a chi è marcio. Gli Stati Uniti mi sembrano ancora un buon posto, ma non escluderei i Paesi emergenti.
Ti faresti una famiglia?
No. Quali elementi dovrebbe avere un giovane per pensare a una famiglia? Dov’è la donna? E’ questa la grande domanda.
Cosa intendi?
Manca la figura femminile. Per carità, dopo tanto parlare di femminismo, di parità di diritti, evidentemente qualcosa la donna ha ottenuto. Ma ha perso tutto il resto.
Cosa?
La famiglia, il suo ruolo all’interno di essa, i figli.
E ora?
E ora ognuno per sé, pur fingendo di stare insieme.
Quando tutto è diventato peggio di quanto tu pensassi?
Quando hanno incominciato a parlare d’Europa ho capito che ci stavano rifilando una fregatura. Io sono meridionale e sentivo spesso mio padre dire che l’unità d’Italia era stata fatta per impoverirci. La storia non è cambiata, perché l’essere umano peggiora.
Vai a votare?
L’ultima volta che ho ripreso la scheda elettorale è stata per votare M5S. Figurati se lo facevano passare. E poi, all'elettore è stato fatto di tutto ormai, tanto che, qualora dovesse nascere qualcosa di buono, non so penso a Landini, chi mancherà sarà proprio l'elettore.
Come ti informi?
Guardo la tv e leggo su internet. E siccome ho quasi ottant’anni, faccio la media tra le cazzate che vengono raccontate e quello che so perché ho vissuto. Il risultato è la mia versione.
Cosa non rifaresti?
Niente. Ma erano altri tempi. Ora, starei molto attento a come muovermi.
Cioè?
La fregatura è sempre in agguato. Non è vero che non siamo in guerra, la conflittualità tra le persone è ai massimi livelli storici. Ma quando mai dovevi stare attento al tuo prossimo come ora?
L’uomo è moribondo e s’aggrappa a quanto di peggio c’è in lui. Non c’è età anagrafica che si salvi e, uomo o donna che sia, c’è una tale confusione di genere.
Spiegati meglio.
La donna vuol fare l’uomo e l’uomo la donna. Il giovane vuol fare l’adulto e l’anziano il ragazzino.
Com’è la comunicazione oggi?
Quale comunicazione? Perché si parla? Sarò io che sono vecchio, ma non mi sembra di sentire gente che parla. A meno che non intendi quella tra persona e animale. Per carità, l’animale molte volte è meglio dell’uomo, specie di questi tempi. Ma povero anche esso, cosa deve subire. L’altro giorno, camminavo e vidi un cane con la sua copertina rossa attraversare la strada. Poi vidi la padrona corrergli dietro, urlando non mi ricordo più quale ridicolo nome. Lo riprese dal guinzaglio e, con l’indice alzato, gli disse: ‘Cosa ti avevo detto? Si attraversa senza il mio permesso? Non ti ricordi del patto che abbiamo fatto?’ Ma hai capito cosa deve subire questa povera bestia?























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente