Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Conversazione con


BFM
Le Interviste

di EC/MF - 09/03/2016

Conversazione con Shane Meadows
Shane, working class and social outcasts are the subject of your movies..
Yep..
..can you tell us why you're so focused on this subject?
Yeah, I mean, basically I think, you know, in Britain there's always been a tradition of, you know, a sort of kitchen sink films and social realism and I think the thing that maybe, the difference maybe with me to some of the other film makers, I don't mean it makes me better or worse, is that I'm telling stories from the inside the room rather than looking through the glass, you know, so I think maybe with Mike Leigh, he sees it from a slighlty different perspective, he's examining characters through other people's experiences, so I think he would get actors to come in to find a character from their lives, and bring it to him, you know. Whereas I think I tend to start with a story from my own life or something that happened in my life, good or bad. And I tend to use that as a starting point, so I'm starting.. I'm inside the room in a way, whereas I think a lot of other directors looking at working class subject matter maybe weren't born (...) in that environment..
You're thinking about Ken Loach for example?
Yeah, I mean, I don't know Ken's background in terms of his upbringing, but you know, I would say for sure with me there's an authenticity to the actual subject matter that's not driven by politics or anything like that, it's driven by the fact that I witnessed certain things or sorts of things, whether they'd be funny or horrific..
.. you lived them yourself..
.. yes, so.. not everything, you know, certain people, but generally.. This is England I was an eleven-year-old boy that joined a skinhead gang, and so you'd have it.. you're bringing in.. it's almost like a cathartic experience that almost has to come out. It's a way of.. it's a way of kind of reliving and healing sometimes and, you know, I don't always need to do that, but I think in general I'm drawn to working class subject matters because I was working class and I was brought up and went through a lot of the things that my characters kind of went through.
Talking about the movie, about the reunion of the Stone Roses: you looked very involved by that and still it's a way of examining the outcast, the social outcast..
Yeah completely, because the Stone Roses, the film's called Made of Stone, because everyone saw them as a very fragile band, because they were so volatile, there was like a fragility to them. But what we saw as kids when we were kind of into them, it was almost like a religion being into the Stone Roses. And the fact that ..'cause I didn't initially think about calling the film Made of Stone.. but in a way they kind of all stood the test of time, and even with a twenty-year break.. 'cause very few people that come back from a break of that long and play better.. they were almost better now than they were the first time around as musicians.. you know, when I kind of ..they were so beautifully arrogant when they were done with the interviews, they didn't care what anyone thought of them, they really didn't. And they were kind of doing it to be rock 'n roll, they really didn't care, they were like you're either into us or you're not into us, you don't care what anyone thinks about us. And I suppose in a way that's the same as skinheads, it's the same as punks, anyone that's kind of, you know, get into any culture.. whatever your subculture is growing up, you tend to be kind of, in a way the fact that some people despise you, charges you and gives you energy . And maybe that's what I was attracted to them, for that reason you know. They were icons to me, so it's a very difficult, quite scary thing, because I thought...when you're with people that are naturally very cool, groovey rock'n roll stars and that, you kind am I gonna come across as an idiot or, you know, because I got quite nervous, because they are like heroes. It's like, you know, it'd be like my dad meeting my dad's idols. Elvis Presley, Bill Haley..
If my dad had met them people, and been told he could spend six months with them, it's mind blowing, to me they are my Elvis Presley, you know. That was the people that I kind of fell in love with, I fell in love with their music and I thought they were unattainable, and that I never get to meet them. And so when you kind of get to meet them, they turned out they were the same in a way . They were social, they were working class, they were kids that didn't make it through college, didn't make it through school. They were very accepting, and they were just almost like... when you see the Stone Roses film you see the fans at the gigs, they are like people out of This is England. The little kid in there with his dad, he might as well be out of my films. So you realise that the fans were pretty much like characters out of my movies anyway.
Sure. You've got a wonderful boy...
.. Yeeah..
..so the last question is, if your fatherhood has changed in a way your way of thinking about cinema, your way of making movies?
Yeah. Having children has changed a few things. One is that.. well, it's two things. One is that I want to make a film that he can watch now, I do want to make a film that he could see. Like a PG or something that, you know, but still one of my films. Because I kind of.. you realise that there was things that... when I was a kid a read down the Champion of the world by Roald Dahl and I was so moved, so touched by that, because it reminded me of my relationship with my father and I sort of think that I (...) it . To me at that age into my own son, to make a film for people a little bit younger. Because, you know, they don't need things sugarcoating.. I couldn't show Dead Man's Shoes PG but, you know, there's films that could be made under that certification that.. there's some films that you can watch in your childhood and stay with you the rest of your life. And they don't have to be fifteens and eighteens.. and so, that's one thing. And the other thing is.. when I first had Arty I was about three or four stones heavier, you know, I was like quite big and it makes you wanna be healthier and you kind of wanna be, you wanna be around (laughs!).. 'cause up until that point you just do what you want and children, you know, make you wanna live longer and be there for 'em and, you know, so I wanna live longer, be healthy and try to make a film that he can watch before he's eighteen if possible.

Ascolta l'audio dell'intervista

Traduzione

Shane, i reietti della società e della working class sono al centro dei tuoi film..
Sì..
..puoi dirci perché la tua attenzione si concentra così tanto su questo argomento?
Sì certo.. praticamente in Gran Bretagna c'è sempre stata una tradizione detta di "kitchen sink" e di realismo sociale e credo che forse la differenza tra me e altri registi, e non voglio dire di essere migliore o peggiore di loro, ma la differenza sta nel fatto che io racconto le storie dall'interno dell'ambiente, invece che attraverso una lastra di vetro. Credo che registi come ad esempio Mike Leigh vedano le cose da una prospettiva leggermente diversa, lui esamina i personaggi attraverso le esperienze di altre persone, credo che chieda agli attori di trovare un personaggio attraverso le loro vite personali e porgerglielo/offrirglielo. Invece io tendo a iniziare una storia partendo dalla mia vita personale o da qualcosa che mi è accaduto nella vita, sia cose belle che brutte. E uso queste cose come punto di partenza, in questo modo sono all'interno della vicenda, mentre credo che molti altri registi che guardano al soggetto della working class non siano nati in mezzo a quell'ambiente.
Ken Loach può essere un esempio?
Sì, ecco.. non conosco l'ambiente di Ken, vale a dire l'ambiente dove è cresciuto, ma per quanto mi riguarda di sicuro c'è una certa autenticità verso l'argomento in discussione reale che non deriva da un punto di vista politico o qualcosa del genere, ma deriva dal fatto che sono stato il testimone di certe cose o di un certo tipo di cose, che siano esse divertenti o orribili..
..le hai vissute in prima persona..
Sì, quindi.. non per tutti, certo, solo alcuni personaggi, ma in linea di massima. Per quanto riguarda This is England, io sono stato un ragazzino di undici anni che si è unito ad una banda di skinhead, ed è in questo modo che riesci a dare, che apporti.. è come un'esperienza catartica che quasi deve riuscire a venir fuori. E' un modo di.. è una specie di modo di rivivere e di rimarginare a volte. Non che debba sempre fare in questo modo, ma credo che in linea generale io sia attratto dagli argomenti della working class perché io sono stato working class, sono cresciuto e sono passato attraverso molte cose che i miei stessi personaggi hanno in qualche modo vissuto.
Parliamo del film, quello sulla ri-unione degli Stone Roses: sembravi molto coinvolto nel film e anche qui sembra un modo per esaminare gli esclusi, gli esclusi della società..
Sì, assolutamente, perché gli Stone Roses.. il film si intitola Made of Stone perché tutti li vedevano come un gruppo molto fragile, perché erano così instabili, c'era una specie di fragilità in loro. Ma ciò che vedevamo noi da ragazzi quando li ascoltavamo e li seguivamo era come una religione. All'inizio non avevo pensato al titolo del film come Made of Stone, ma in un certo senso tutti loro avevano superato l'esame del tempo, e persino dopo una pausa lunga vent'anni, perché ben poche persone ritornano dopo una pausa così lunga e suonano persino meglio. Erano quasi meglio adesso che non agli esordi come musicisti. Erano così splendidamente arroganti alla fine delle interviste, non gli importava cosa gli altri pensassero di loro, per niente. E lo facevano per essere rock'n roll, non gliene fregava davvero niente, come se dicessero 'se ti piacciamo bene, altrimenti non ci interessa, non ci interessa ciò che pensa la gente di noi'. E credo che in un certo senso sia lo stesso con gli skinhead, e lo stesso con i punk, con chiunque sia come inserito in una cultura. Qualsiasi sia la sottocultura nella quale cresci, tu tendi ad essere in una certa maniera, in un certo senso il fatto che qualcuno ti disprezzi ti dà la carica e l'energia.
Loro erano delle icone per me, quindi era molto difficile e avevo paura, perché pensavo.. quando stai con persone che sono per natura fighissime/cool, dei miti del rock'n roll, tu hai paura che vicino a loro puoi sembrare un idiota o qualcosa del genere. Ecco perché ero così nervoso, perché per me sono come degli eroi. E' come se mio padre incontrasse i suoi idoli, Elvis Presley, Bill Haley.. se mio padre dovesse incontrarli, se gli venisse detto che potrebbe trascorrere sei mesi con loro, sarebbe sbalordito. Per me loro sono i miei Elvis Presley. Erano le persone che in un certo senso mi avevano fatto innamorare, mi ero innamorato della loro musica e credevo fossero irraggiungibili e che non li avrei mai incontrati. Quando invece sono riuscito a incontrarli in un certo senso si sono rivelati come me. Erano socievoli, erano della working class, erano ragazzi che non ce l'avevano fatta a finire il college, che non avevano finito la scuola. Mi hanno accettato bene, ed erano quasi come..quando guardi il film degli Stone Roses e vedi i loro fan ai concerti, sembrano delle persone venute fuori da This is England. Il ragazzino con il papà, potrebbe benissimo esser saltato fuori da uno dei miei film. Così ti accorgi che ad ogni modo i loro fan somigliavano tantissimo ai personaggi dei miei film.
Certo. Hai un bellissimo bambino...
Oh sì..
..quindi l'ultima domanda è se la paternità ha cambiato in qualche modo la tua maniera di pensare il cinema, il tuo modo di fare cinema?
Sì, avere dei bambini ha cambiato un po' di cose. Una di queste è che..bè, sono due le cose a dire il vero. Una è che voglio fare un film che lui possa guardare adesso, voglio proprio fare un film che possa vedere. Come un PG (parental guidance, un film da guardare accompagnati dai genitori) o qualcosa di simile, ma sempre nel genere dei miei film. Perché ti accorgi che ci sono state cose che.. quand'ero bambino avevo letto Danny campione del mondo, di Roald Dahl e rimasi così toccato, così commosso da quel libro, perché mi ricordava la relazione con mio padre(...) Avevo l'età che ha mio figlio adesso. Per questo vorrei fare un film per persone un po' più giovani, perché non hanno bisogno di aggiungere dello zucchero alla realtà. Non potrei far guardare Dead Man's Shoes come un PG, ma ci sono abbastanza film che possono essere fatti con quel certificato. Ci sono film che guardi durante l'infanzia e rimangono con te per il resto della tua vita. E i ragazzi non devono per forza avere quindici o diciotto anni. E questa è la prima cosa.
L'altra cosa che è cambiata.. quando è nato Arty pesavo 20-25 kg in più rispetto ad ora, quindi ero abbastanza grosso e ciò che è cambiato è che voglio essere più sano e che voglio, insomma, voglio esserci! (ride). Perché fino ad allora fai quello che vuoi e con i bambini, sai com'è, ti fanno venir voglia di vivere più a lungo e di esserci per loro. Quindi voglio vivere più a lungo, stare in salute e cercare di fare un film che mio figlio possa guardare prima di compiere diciott'anni, se possibile.
Elisabetta Cocco

Conversazione con Angelo Signorelli
BFM è impostato su tre blocchi: quello della scoperta Mostra in Concorso, quello della celebrazione Omaggio a Anna Karina, quello della conferma (ma anche scoperta e approfondimento) Shane Meadows.
E’ l’impostazione che c’è da sempre o avete trovato questo assetto negli anni?

Ce la siamo data soprattutto negli ultimi sette - otto anni. Hai individuato tre blocchi che non necessariamente si identificano con una sezione speciale o retrospettive. Ad esempio, anche la sezione Visti da vicino e Documentari rispondono un po’ al criterio del Concorso. Poi, ci sono i percorsi trasversali: le scuole di cinema, l’animazione, anteprime di pellicole che poi saranno distribuite; però, sì, direi che sono i tre principi basilari della nostra proposta che cerca anche di creare un legame tra passato, presente e futuro. Il passato può essere una riscoperta, perché la retrospettiva vuol dire proporre anche un certo percorso interpretativo e di lettura. Il presente perché elementi del passato vi si ritrovano, anche se ormai più che parlare di cinema si dovrebbe dire audiovisivo, per cui la situazione è molto più complessa rispetto a un tempo e comunque, in ciò c’è anche l’idea di capire quali sono le tendenze che si preparano nel cinema del futuro.
Quindi, attraverso la nostra offerta culturale il nostro movimento cerca di capire lo stato del cinema, per quello che è adesso e che potrebbe essere.
Da un po’ di anni transita un cinema proveniente dall’area dei Balcani e del Nord Europa.
E’ un’area geografica che è rimasta un po’ ferma rispetto ai Paesi del blocco sovietico che hanno sempre avuto delle cinematografie molto vivaci, per potersi presentare all’estero e per darsi un’aria più democratica rispetto alla realtà. Da un po’ di tempo stiamo attingendo dalle aree da te citate che, se è vero non hanno un bacino molto ricco a cui attingere, è anche vero che è abbastanza in fermento.
Come arrivate alla scelta di ospitare il regista Shane Meadows e di dedicargli una fetta importante del Meeting?
Lui è portatore di un cinema ricchissimo e da conoscere. E’ un qualcosa che succede spesso qui da noi, perché di alcuni registi si conoscono pochi lavori, magari noi pensiamo che il pubblico li conosca già e poi scopriamo, nei giorni del Festival, che o non li conoscono affatto o non abbastanza.
Meadows è un progetto che Chiara, una delle collaboratrici di BFM, stava cercando di realizzare da tre anni; quest’anno si sono create le condizioni perché il regista fosse disponibile e ciò ci ha permesso di chiuderlo. Lui è rimasto affascinato dal Festival, oggi è ripartito ma posso dire che cercheremo di coinvolgerlo in altri progetti futuri.
Per Anna Karina?
Per lei è stato molto più semplice di quanto pensassimo. Abbiamo contattato l’agente che c’ha dato una disponibilità di massima e il fatto che lei abbia un compagno molto generoso e simpatico ha facilitato il tutto. L’idea di realizzare questa sezione è piaciuta subito anche e soprattutto per la relazione, non solo artistica, che ha avuto con Jean-Luc Godard. Il fatto di incrociare i due percorsi ci permette di riproporre film che fan sì che la sala sia gremita.
Operazione sicura con L’étranger.
E’ un film che nessuno aveva mai visto perché non è disponibile in dvd, anche se questo è un dato che per noi non conta tanto, perché lo spettatore viene comunque a vedere queste pellicole nel momento in cui le proponiamo sul grande schermo, per la qualità, visto che cerchiamo di avere delle copie 35mm o supporti digitali di alta qualità, e per la fruibilità dei sottotitoli.
Cosa è diventato BFM nel lungo corsi dei 34 anni? Quali prospettive vedi?
Il BFM era nato come festival un po’ anomalo; sin dalla prima edizione si era posto il fine di non essere solo una finestra di pochi giorni, ma che fosse anche un incentivo per i distributori e operatori del settore per acquisire e fare in modo che alcuni film presentati nel corso della manifestazione avessero poi una circuitazione successiva. Questioni di bilancio hanno, nel corso degli anni, avuto varie influenze sulla natura del BFM. Ricordo che ad un certo punto non potevamo affrontare i costi dei sottotitoli che, un tempo, si mettevano sulla copia e quindi avevano un certo costo di stampa. Quindi, nel tempo si era un po’ persa la prerogativa iniziale, il Festival era ingessato su tre - quattro proposte fisse in una prospettiva elefantiaca, per cui c’era un pubblico di cinefili. Così, ci siamo posti il problema di come sviluppare e far progredire una manifestazione in una città come Bergamo che ha una tradizione cinematografica che risale agli anni del dopoguerra.
Anche la nostra Associazione nasce da quella tradizione ed ha sempre catalizzato operatori del settore o aspiranti tali. Il dato importante da dire è che la nostra attività è viva durante tutto l’anno. Noi cerchiamo sempre di sollecitare la riflessione e la presenza attorno all’arte e all’industria cinematografica. La nostra è una realtà, un laboratorio con una precisa identità, riconosciuta e credibile che non si esaurisce con il Festival; che vede nel mese di marzo il suo punto più alto ma che ha alle spalle una preparazione minuziosa e che procura rimandi destinati ad impegnare nel lungo termine.
Massimiliano Forgione

Ascolta l'audio dell'intervista























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente