Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Il Punto


Cronache dal Maficipio

di Eugenio Benetazzo - 10/05/2012

Ho appena finito di ascoltare una testimonianza da parte di un lettore che mi ha telefonato per raccontarmi un episodio che più che curioso è vergognoso. Quest'ultimo ha partecipato di recente alle elezioni amministrative della sua città in qualità di presidente di seggio elettorale. Il compenso che gli è stato riconosciuto è poco meno di duecento euro per quanto riguarda il ruolo di responsabile della regolarità delle votazioni e dello scrutinio. Tuttavia gli deve essere riconosciuto anche un secondo onorario (di importo inferiore), di neanche cinquanta euro, per le operazioni di proclamazione del sindaco. Sostanzialmente i vari presidenti delle sezioni elettorali una volta terminato lo scrutinio di ogni sezione, si trovano in camera di consiglio senza gli scrutatori per effettuare il cumulo dei voti complessivi tra tutte le sezioni e nominare il nuovo consiglio comunale. Attenzione, perché ora si ride: mentre per il primo operato si viene remunerati con un assegno circolare direttamente dalla tesoreria del comune il giorno stesso dello scrutinio, per il secondo apporto lavorativo (la proclamazione) si deve attendere svariati giorni (anche settimane in taluni casi).
Il caro lettore mi ha fatto presente della notifica che ha ricevuto nella cassetta postale da parte del messo comunale che lo esortava urgentemente a presentarsi presso l'ufficio notifiche quanto prima per ritirare un plico che lo riguardava. Non conoscendo questa procedura il pover’uomo intimorito per l'altisonanza della missiva si recava il giorno successivo presso il maficipio della sua città per visionare il contenuto del misterioso plico. In quel contesto gli veniva consegnato un modulo di autocertificazione fiscale (contenuto del plico) necessario per procedere alla elaborazione del mandato di pagamento con il quale la tesoreria del maficipio avrebbe potuto nei giorni successivi avvisare la banca incaricata dei pagamenti comunali di predisporre compenso spettantegli per la prestazione lavorativa erogata dur























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente