Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Chi siamo
Nail is still a very popular fashion replica handbags uk in autumn and gucci replica . The furry design on the hermes replica of the bag makes this autumn and handbags replica. Xiaobian likes the buckle like sapphire and looks quite replica handbags .
Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Il Punto


L'invidia

di Massimiliano Forgione - 29/11/2019

Oggi voglio parlare dell'invidia. Perché mi è stata mossa a mo' di accusa, rimproverata non cristianamente, ma capitalisticamente. E ne devo scrivere, non solo perché la riflessione che prende forma nella scrittura mi dà la possibilità concreta di superare il sottile dispiacere e guardare oltre, ma perché, come affermava Pasolini: Il mio non è qualunquismo né indipendenza: è solitudine.
Proprio la solitudine che avverto di fronte a ciò che combatto ed ad affermazioni sleali, seppur fanno parte della lotta.
Vengo al fatto. Durante la fase di contrattazione, all'interno della scuola dove lavoro, al capitolo dei criteri di distribuzione del bonus per la valorizzazione dei docenti, ho voluto affermare il principio che venisse riconosciuta l'opera silenziosa e sotterranea degli insegnanti che si dedicano al quotidiano, usurante, lavoro nelle classi, con tutte le implicazioni in termini di cura di relazioni sempre più ostiche e complicate con gli studenti e consumazione silenziosa del proprio tempo a preparare le ore da passare in classe. E che il punto imprescindibile per cui il Miur ha pensato a questa forma di compensazione dalla coda di paglia e dalla visione fratricida: qualità dell’insegnamento e contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti, non venisse disdegnato da una logica che sposta il fuoco delle attività di una scuola tutta sui progetti.
Chi lavora nelle scuola sa come la famelicità si concretizza in comportamenti studiati e mirati ad insediarsi in tutti i piccoli contesti di commissioni e funzioni, magari a ritagliarsi un impegno a mezza cattedra e dedicare le proprie energie ai famigerati progetti pon.
Ebbene, a fronte di questo intervento teso a ripristinare una pur minima giustizia sociale all'interno di una piccola comunità, la persona che, per legge e nel rispetto dei criteri collegiali, ha la prerogativa di designare monocraticamente i beneficiari del merito quantificato in soldi, il dirigente, ha insinuato che la mia preoccupazione di togliere dalle mani dei soliti e dei pochi per ridistribuire a più soggetti, fosse mossa da invidia.
Ora, visto che per essere brutti ideologicamente ci vuole anche una certa ripugnanza fisica e non mi ritrovo, per esperienza diretta ampliamente confortatami e, sempre riprendendo Pasolini: perché è necessario moralizzare la politica e non politicizzare il moralismo, capisco quanto l'accusa mossami sia la ragione stessa e profonda della vorace occupazione di tutti i piccoli posti di profitto.
Ebbene, in questa logica accumulistica di matrice capitalistica, affermo di essere molto invidioso del mio tentativo di equità sociale che ben mi differenzia, in bellezza, da un'umanità caratterizzata da insaziabile invidia sociale.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente