Il Mattatoio - Giornale indipendente


 

Editoriale

Notiziario

Intervista

Scienza e Ricerca

Il Rubricario
  - Spettacoli
  - Film
  - Libri
  - Musica

Conversazione con

Il Punto

Aforismi, riflessioni e bestiario

Ciclicità

Economia

eBook

HOME PAGE

 

 

Ciclicità


Franco Giordano e prime donne

di Massimiliano Forgione - 10/01/2008

Incontro-intervista con il segretario del PRC, Franco Giordano, ad un seminario organizzato dall`Università di Bergamo, dove c`era anche l’ex Fausto Bertinotti osannato come una prima donna.
Si è parlato di lavoro tra riforme possibili e necessarie.
Speravo di fare almeno una domanda all’attuale spettatore della politica nel suo ruolo istituzionale di Presidente della Camera ma avvicinarlo è stato avvilente, l’assalto dei giornalisti alla fine della conferenza mi ha fatto desistere da quel tentativo. Così, ecco Giordano tra costi della politica, l’indulto e Previti. La politica viene compresa anche attraverso certe immagini che non appartengono più soltanto allo spettacolo.

L`IDV è stato l`unico partito a rilanciare l`idea di un abbassamento degli emolumenti e degli stipendi dei parlamentari e di una rivisitazione di tutto il sistema del finanziamento ai partiti, perché quel partito si ritrova solo in questo processo?
Beh, lei si sbaglia su questo punto perché noi abbiamo presentato un progetto di legge che prevede, per tutte le retribuzioni, un limite massimo rispetto al parametro più basso che è quello di 1/10. Può apparire una sciocchezza ma è l`esatto contrario (eeeh??) che investe i parlamentari, i manager delle grandi aziende pubbliche, cosa che l`IDV non considera, penso ai manager della RAI.
E per quanto riguarda il sistema del finanziamento ai partiti?
Ma io da questo punto di vista, lo dico nella maniera più semplice, penso che la politica debba essere finanziata, preferirei una modalità dei finanziamenti che intervenisse di più sui servizi, sui costi effettivi, piuttosto che sul trasferimento delle risorse finanziare tout court. Appena si affronta in maniera organica una problematica di questo tipo sono ben lieto di poter dire la mia, l`unica cosa che vorrei evitare è però di appaltare la politica a coloro che per censo sono in grado di farla.
Il disegno di legge sugli sprechi di cui si è fatta promotrice la senatrice Franca Rame dell`IDV che appoggio trova da parte degli altri partiti? (lo vedo perplesso), ne ha sentito parlare?
No, onestamente no; ma noi siamo letteralmente favorevoli alla riduzione degli sprechi anzi abbiamo previsto per la legge finanziaria una battaglia molto più netta contro le consulenze eccessivamente retribuite, contro la proliferazione di enti spesso e volentieri inutili, per la valorizzazione di funzioni interne alla dimensione del pubblico che vengono mortificate dalle consulenze esterne.
Cosa ne pensa Franco Giordano dell`indulto? Le do qualche elemento in più, il mese scorso ho partecipato alla festa dell`UDEUR e l`on. D`Onofrio a questa domanda mi ha risposto definendolo un condono penale; io vi ho interpretato che il centrosinistra ha barattato cinque anni di tranquillità al Governo.
No guardi questa è una sciocchezza, io sono nettamente contrario alle prese di posizione di Di Pietro, (confonde, evidentemente preso dagli ultimi eventi), dico anzi che sono proprio culturalmente distante perché a me non interessa, nulla di questa partita che vede una confusione di ruoli tra destra e sinistra.
Tra l`altro, come lei sa, abbiamo una concezione di società completamente alternativa oltre che sul terreno della politica, sul terreno dell`economia, della giustizia, su tutto l`arco di politica delle destre del governo precedente.
Non ci sono stati inciuci insomma!, accordi trasversali tra partiti?
Guardi, forse lei dimentica che l`indulto ha bisogno di ¾ del Parlamento programmaticamente, quindi, ha bisogno di un accordo parlamentare, questo è scritto nella nostra Costituzione e noi l`abbiamo difeso contro gli attacchi della destra; per poter ottenere l`insulto (lapsus?), bisogna raggiungere un accordo parlamentare che non riguarda soltanto la maggioranza; chi non è d`accordo con l`indulto com’è adesso ovviamente è contrario all`indulto tout court e aggiungo che fuori da questa via non si sarebbe mai ottenuto di evitare il sovraffollamento delle carceri, perché la mia ricetta non potrà essere quella di Castelli che prevede la costruzione di carceri nuove, e soprattutto sono stati penalizzati in tutti questi anni gente che, che……
che non contava socialmente, possiamo dirlo….
….da emigranti, a gente che non si poteva permettere un adeguato livello di tutela giuridica, quindi, per queste ragioni io sono convinto che questa sia stata una operazione giusta, poi ho una concezione culturalmente diversa sulla pena perché noi dovremmo pensare soprattutto a percorsi di reinserimento.
E quindi come può Franco Giordano spiegare per i profani il caso Previti?
Non c`entra nulla l`indulto con il caso Previti; infatti, non si è avvantaggiato di quel meccanismo; si è agitato un po’ strumentalmente questo tema ma purtroppo non c’entrava nulla. In questi casi alludere a un meccanismo di giustizialismo, trasformando l’avversario politico in un nemico da giustiziare pubblicamente, può trasformare il carnefice in vittima.
Si è caduti in questa tentazione con il decreto Gentiloni? C`è stato uno spirito vendicativo?
Assolutamente no, come si vede è l’esatto contrario delle politiche concrete, perché noi stiamo provando a trovare le modalità di cancellare tutte quelle forme volgari attraverso cui il conflitto di interessi è rimasto inalterato nel nostro Paese; noi dovremmo intervenire con una legge
Quindi sarà affrontato!
Io penso di sì, per me è un punto assolutamente decisivo del programma di questa legislatura. Questo vale verso tutti, come dice la nostra Costituzione: separazione tra politica ed economia, tra interessi politici ed interessi economici; sulle comunicazioni penso si stia andando verso la giusta direzione, c’è solo un po’ di perplessità sulla RAI, perché io penso che debba rimanere un servizio integralmente pubblico proprio perché svolge il ruolo di una grande azienda culturale che non potrebbe fare nessun’altra azienda privata, cioè di avere una redditività sociale differita.
Per concludere, ritorno su una questione per me scandalosa: l`on. Previti non può essere preso ed accompagnato per la giacchetta fuori della Camera dei Deputati?
Guardi, io penso che il rispetto della nostra Costituzione sia il vincolo per noi. Naturalmente ho un giudizio drastico sull`on. Previti ed ho un giudizio molto netto sul giudizio ed autonomia della Magistratura, ma sono campi…. ….
…ma lui è stato condannato!
….proprio per questo!, ma le modalità con cui….. …
abbiamo anche letto che è stato affidato ai servizi sociali!
Sì, ma questo in virtù di una legge che prevede che a colui che ha superato i 70 anni non è possibile dare il carcere, una legge che ritengo giusta indipendentemente dal fatto che ci sia incappato Previti.























 

 

Immagini articolo


 
 
 

Il Mattatoio - Giornale indipendente